Sede Regionale: Torino - C.so G. Matteotti, 57 - 10121 Tel. / Fax 011/5069219 e-mail: codaconsto@infinito.it

Chi siamo

Le nostre sedi

Come associarsi

Rassegna stampa

Comunicati stampa

Documenti utili

I nostri servizi

Consigli utili

Contattaci

Link utili

INSUFFICIENTE ED INEFFICIENTE IL SERVIZIO DI TRENITALIA NELL’ALTA VALSUSA

AL CODACONS E ALL’ADUSBEF  PIOGGIA DI PROTESTE DI ABITANTI, PENDOLARI E TURISTI COSTRETTI A SERVIRSI DEL TRENO NELLA VALLE DEI GIOCHI OLIMPICI INVERNALI 2006.

IL CODACONS E L’ADUSBEF, INSIEME AL COMITATO PENDOLARI ALTAVALSUSA, DENUNCIANO LA GRAVE SITUAZIONE ED INVITANO LA REGIONE A INTERVENIRE A GARANZIA DELLA CARTA DEI SERVIZI, PER ASSICURARE AI CITTADINI IL RIPRISTINO DI STANDARD MINIMI DI EFFICIENZA DEL SERVIZIO.

 

SABATO 2 OTTOBRE 2004

MANIFESTAZIONE DI PROTESTA

OULX – dalle 11.00 ALLE 13.00

 

 

 

Già con l’entrata in vigore dei nuovi orari ferroviari nel dicembre 2003 (il cosiddetto Memorario), la Valsusa ha assistito allo smantellamento della storica linea ferroviaria internazionale Torino-Bardonecchia-Modane, a vantaggio della Torino-Susa, e con ciò all’introduzione della “tratta montana” Bussoleno-Bardonecchia.

I viaggiatori della linea Torino-Bardonecchia, già gravemente penalizzati dal cambio di treno alla stazione di Bussoleno, denunciano con forza il peggioramento globale della qualità del servizio:

- mancato o scarso coordinamento delle coincidenze

- insufficienza dei treni al mattino e alla sera per le esigenze dei pendolari

- dilatazione dei tempi di percorrenza Torino-Bardonecchia (in alcuni casi a dismisura, forse quale “compensazione preventiva” per eventuali ritardi, che sono il parametro sulla base del quale la Regione “sanziona” la società Trenitalia?)  

- diminuzione del numero di treni, per non parlare poi di quelli effettivamente fruibili in quanto funzionali alle esigenze lavorative

- cronici ritardi registrati.

Insoddisfacenti le risposte di Trenitalia che, nel respingere le richieste dei viaggiatori, motiva con non meglio precisati “problemi tecnici”.

Il CODACONS e L’ADUSBEF del Piemonte, nel denunciare la situazione di grave agonia del servizio ferroviario nell’Alta Valle, dove tra meno di due anni si svolgerà tra l’altro la manifestazione sportiva che sarà la vetrina del Piemonte nel mondo, rilevano le gravi violazioni ai principi enunciati nella Carta dei Servizi approvata da Trenitalia S.p.A., in forza della quale la medesima si impegna ad “adottare misure in grado di favorire la progettazione, la produzione e l’erogazione del servizio nell’ottica di un continuo miglioramento dei risultati economici e qualitativi”, individuando altresì alcuni fattori di qualità che dovrebbero caratterizzare la sua azione (regolarità servizio e puntualità treni, pulizia vetture, comfort, servizi aggiuntivi, informazioni alla clientela, livello servizio…). 

 

Il CODACONS, che ha già inviato una segnalazione al Ministro dei Trasporti Pietro Lunardi, e l’ADUSBEF invitano la Regione ad intervenire (è stata presentata un’interrogazione a firma del consigliere regionale Alessandro Di Benedetto della Margherita per sapere cosa il Presidente Ghigo e l’Assessore Casoni intendono fare in merito), ricordando che l’Unione Europea è chiara nello stabilire veri e propri obblighi di servizio pubblico in capo ai gestori dei servizi di interesse economico generale, quali il servizio di trasporto ferroviario, siano essi svolti da operatori pubblici sia da operatori privati, e saranno al fianco del Comitato Pendolari Altavalsusa, degli amministratori locali e dei cittadini nella manifestazione che si terrà ad Oulx (TO) sabato 2 ottobre 2004, ore 11,00-13,00.

 

 

Alessandro DI BENEDETTO

Presidente regionale ADUSBEF

Tiziana SORRIENTO

Presidente regionale CODACONS