HOME

Sede Regionale: Torino - C.so G. Matteotti, 57 - 10121 Tel. / Fax 011/5069219 e-mail: codaconsto@infinito.it

> Home Page

> Chi siamo
> Le nostre sedi
> Come associarsi
> I nostri servizi
> Contattaci


>    F o r u m

> Rassegna stampa
> Comunicati stampa

> Radio Reporter 97
> Inchieste
> Documenti utili

> Alimentazione
> Consigli utili

> Link utili

 

AUMENTI GTT: PIOGGIA DI PROTESTE AL CODACONS

L’AUMENTO DEVE ESSERE COMMISURATO AL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DEL SERVIZIO

 

INGIUSTO ED INGIUSTIFICATO L’AUMENTO INDISCRIMINATO DEL 500%  PER   I RESIDENTI

 

IL COMUNE INTERVENGA NEI CONFRONTI DELLA GTT PERCHE’ RISPETTI GLI IMPEGNI E GLI STANDARD DI QUALITA’  DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO PROMESSI DALL’AZIENDA

 

 

Una pioggia di proteste ai centralini del Codacons di cittadini infuriati che chiedono chiarimenti , preoccupati per l’ennesima stangata per i proprietari delle auto che arriva dagli enti locali.

Il Codacons critica fermamente non soltanto le modalità di informazione del nuovo balzello per i residenti delle zone a strisce blu (un vero editto borbonico) ma anche la stratosferica percentuale dell’aumento.

Se la tariffa è ferma dal 2002,  - commenta l’Avv. Tiziana Sorriento, presidente del CODACONS Piemonte -  è verosimilmente perché da quella data non si raggiungono i livelli  di qualità del servizio tali da giustificare una revisione della tariffa in aumento (dapprima ricordiamo gratis, in perfetta sintonia con quanto da altre grandi città ancora ampiamente praticato almeno per la prima auto posseduta dai cittadini residenti nelle zone a strisce blu, come ad es. Roma, Napoli, Bologna Bolzano; poi la richiesta di un corrispettivo per i costi di emissione dei voucher da esporre sulle auto dei residenti, come Genova e fino a ieri Torino) e al limite, si deliberi l’adeguamento ISTAT per gli anni 2002-2007 non un aumento che, per i residenti sfiora il 500% del prezzo ritoccato.

La gestione del parcheggio a pagamento sulle aree pubbliche via via individuate dalle delibere Comunali, deve svolgersi secondo una politica premiale della mobilità dei cittadini e non deve essere utilizzata per “fare cassa”  con provvedimenti che entrano direttamente nelle tasche dei cittadini senza che, in alcun modo, si verifichino l’adeguatezza e il miglioramento del servizio che sola, può giustificare un aumento della tariffa.

Il Codacons chiede a GTT ed al Comune di rendere noto l’obiettivo del rinnovamento del parco dei mezzi pubblici – tanto sbandierata motivazione di tali aumenti quasi a confermare che finora su tale fronte si è fatto davvero poco o niente (su circa 1.200 autobus, i mezzi diesel euro 4 sarebbero soltanto 20); sui reclami degli utenti direttamente all’Azienda; sui mancati obiettivi annuali previsti dalla carta dei servizi .

L’Associazione invita inoltre GTT, così sollecita a far “partire in automatico” la lettera che comunica gli aulenti dal primo giugno , a prendere posizione sulla recente vicenda dei pensionati multati perché hanno lasciato a casa l’abbonamento, senza alcuna possibilità di revoca della sanzione con l’esibizione del tagliando mensile.

 

Commenta questo comunicato stampa sul nostro forum:

Forum : AUMENTI GTT: PIOGGIA DI PROTESTE AL CODACONS